]

Area clienti

ACCEDI ORA Area clienti
Assimoco presenterà la sesta edizione del Rapporto sul Neo-Welfare

News & Approfondimenti

Assimoco sesta edizione del Rapporto sul Neo-Welfare

09 maggio 2019

Sesto Rapporto del Gruppo Assimoco sul Neo-Welfare: il 72,4% dei caregiver esplora sistemi di welfare integrato.

Quasi l’80% dei capi famiglia pensa che per rispondere ai bisogni sociali del nucleo familiare sia necessario non limitarsi al solo utilizzo delle prestazioni di welfare pubblico, in quanto quest’ultimo risulta essere in progressiva contrazione e peggioramento. Questo quanto emerge dai dati contenuti nel Sesto Rapporto “Un Neo-Welfare per la Famiglia. Cooperare per costruire un welfare integrato”, presentato dal Gruppo Assimoco in Conferenza Stampa il 6 maggio a Milano e l’8 maggio sarà presentato a Roma presso la Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di Santa Maria, Sopra Minerva, presso il Senato della Repubblica.

In una Welfare Society, ossia una società fondata su principi di sussidiarietà circolare e di rete, inoltre, si manifesta un utilizzo “reale” dei diversi tipi di welfare da parte delle famiglie italiane: accanto al welfare pubblico, acquisisce importanza il welfare familiare e interfamiliare, il welfare assicurativo e quello di territorio. Numeri alla mano, dall’indagine commissionata a Ermeneia, Studi e Strategie di Sistema, il welfare pubblico, viene privilegiato dal 50,7% dei caregiver, ma viene riconosciuto, subito dopo, il ruolo importante del welfare familiare e interfamiliare cioè la capacità di copertura dei bisogni che risulta legata ai servizi e al livello di reddito e al patrimonio della famiglia insieme al welfare fornito dalle altre generazioni.

L’indagine del Gruppo Assimoco mette in evidenza che in una condizione “ideale”, per rispondere in maniera efficace alle proprie esigenze di welfare, ciascun caregiver vorrebbe in media far ricorso a 2,2 tipologie di welfare, ma nei fatti alcuni di essi desidererebbero averne a disposizione molti di più. Nel dettaglio, una sola tipologia viene scelta dal 44,0%; due tipologie dal 19,4%; tre tipologie dal 19,5%; quattro o cinque tipologie dall’11,2% e 6 o più tipologie dal 6,0%.  In questo panorama, inoltre, va allargandosi il movimento delle società benefit, che diventano tra le protagoniste della Welfare Society. L’Italia riveste un ruolo importante nel mondo delle B Corp tanto da essere il secondo Paese europeo in relazione al numero di B Corp certificate.